Chiesa luterana di Helsinki

Helsinki – cosa ho scoperto visitando questa città

Nel mese di aprile ho avuto la possibilità di visitare per la prima volta la Finlandia e nello specifico passare una settimana nella città di Helsinki.

Ero proprio curiosa di scoprire cosa potesse offrire questa capitale del nord Europa. Ho trascorso una settimana girovagando in lungo ed in largo in questa città, studiando le abitudini dei finlandesi, sbirciando in ogni locale, in ogni negozio carino e colorato che trovavo e attirasse la mia attenzione. Allerta spoiler: Helsinki è piena di sorprese.

Helsinki la città del design

La prima cosa che salta agli occhi è il design. Helsinki è una città di design, dai palazzi ai vestiti, sino a come vengono serviti i piatti per il pranzo. Non a caso la città è stata nominata capitale mondiale del design e alcuni anni fa l’UNESCO la investì del titolo di “città del design”.

Perchè? Perché Helsinki è creativa, è alla moda! Dalle borse stampate su tela agli articoli da arredo in stile finlandese, tutto e tutti qui hanno un occhio per il design. Infatti vi è anche un quartiere chiamato proprio “design district”  che è situato nel cuore di Helsinki, ricco di architetture incredibili e intricate, negozi di antiquariato, negozi di moda, musei, gallerie d’arte, showroom e caffè.

HELSINKI LA CITTÀ DEL DESIGN HELSINKI LA CITTÀ DEL DESIGN

Helsinki – i brand più famosi

Scoprirete che ci sono tanti fantastici prodotti e marchi che non vedrete l’ora di acquistare. Come i cappelli firmati Vai-ko hats o gli stivaletti di gommaNokian boots. Se siete amanti della moda e avete voglia di shopping, non potete non appuntarvi questi brand:

  • Marimekko: qualcuno cerca moda anni ’60 e ’70?Il famoso imprenditore finlandese Armi Ratia fondò Marimekko nel 1951 con una visione singolare: creare nuovi disegni che non sarebbero mai passati di moda … e in effetti l’ha fatto. Dai vestiti alle borse di tela, fino ai piatti e agli accessori per la casa. Marimekko crea tutto questo con stampe grande di fiori e righe, coloratissime: assolutamente un must have.
  • Makia, questo brand molto giovane crea abbigliamento invernale – d’altronde l’inverno è molto rigido qui – di altissima qualità. Ve lo dico per esperienza: non ridete, ma senza le giacche a vento messe a disposizione dal residence dove ho alloggiato, firmate da Makia, la mia settimana sarebbe stata molto più complicata, fredda e umida. Ammetto di essere molto freddolosa e il mio cappotto non era proprio adeguato per la temperatura primaverile intorno ai 3 gradi che offriva Helsinki. Belle, leggere, calde e versatili! 
  • Lokal, non proprio un brand ma un concept store. Gestito dalla fotografa Katja Hagelstam è un luogo dove gli artisti e i designer finlandesi possono esibire e mostrare i loro lavori. Ma si possono anche acquistare le creazioni di questi artisti, pezzi unici e fatti a mano. Io l’ho trovato un posto perfetto anche per portare a casa dei regalini originali per amici e parenti.
  • Alvar Aalto è un uomo che ha bisogno di poche presentazioni. È stato un architetto e designer di fama mondiale originario della Finlandia, ricordato come “maestro del movimento moderno”. Adesso in città trovate tantissimi negozi che vendono pezzi di arredamento creati da lui, primo tra tutto il famoso sgabello a 4 gambe.
Helsinki – il caffè

Mentre volavo ad Helsinki, ho sfogliato una rivista che la compagnia FinnAir ha messo a disposizione. In ultima pagina ho trovato delle simpatiche curiosità sulla Finlandia. Ad esempio che per il 75% è coperta da foreste, che è diventata una repubblica parlamentare nel 1917 e dal 1995 fa parte dell’Unione Europea, che solo il 7% dei campi è usato per coltivazioni, che il cigno è l’animale simbolo della nazione, che si parla finlandese, svedese e sàmi e che il consumo di caffè procapite annuale è di 9,9kg.

Non ho sbagliato a scrivere, bevono quasi 10 kg di caffè all’anno, più di noi italiani. E non ha caso camminando per la città troverete una moltitudine di caffè stravaganti e alla moda. Mettendosi a sedere in uno di questi locali, assaporando una torta ed un caffè  sembra di stare in America, magari a New York visto il loro aspetto così minimal e alla moda. Molti dispongono di wifi ed onestamente sono luoghi molto accoglienti, dove poter riparasi dal freddo inverno, magari con un libro o studiando, lavorando. Visto il clima così rigido per così tanti mesi l’anno, non credo sia un caso che questi posti siano accoglienti e caldi come un abbraccio.

Helsinki – tranquilla e silenziosa

Forse perché siamo italiani, abituati alla confusione ed al chiasso, ma passeggiando per questa città io e mia sorella ci siamo rese conto di quanto questa città sia tranquilla, introversa. È silenziosa, si sente il rumore del tram e il vociare dei gabbiani. Le persone parlano solo se hanno qualcosa da dire, non ci sono risate sguaiate, chiacchiere stupide, ma glorioso silenzio e leggero imbarazzo.

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

Non voglio dire che sono persone tristi, anzi tutt’altro, sono solo pacati e tranquilli e la città riflette il carattere dei suoi abitanti. Sarà anche per questo che si percepisce una sensazione di calma e di rilassatezza che nessuna altra città mi ha mai dato. Helsinki è funzionale, ma senza fretta. È considerata tra le 10 città al mondo dove si vive meglio. Sarà per il suo sguardo molto green con trasporti moderni ed efficienti, grandi aeree verdi, numerose piste ciclabili, inquinamento ai minimi livelli grazie all’utilizzo di energie alternative. Un modello, un esempio da seguire.

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

Helsinki – la cucina

Ammetto che quando pensavo alla Finlandia non l’ho mai associata al cibo, non che pensassi che fosse cattivo o fatto solo di carne di renna. Non ci pensavo e basta. Ed invece mi ha sorpresa, è stata una settimana di esplosione di sapori. Dal pane, soprattutto il pane di segale servito con il burro salato, alle verdure, ai formaggi, all’abbinamento di sapori. I piatti sono moderni, nel gusto e nella presentazione. Non esiste un vero piatto tipico, una vera cucina tipica se escludiamo la carne di renna, ma vi è una nuova interpretazione dei sapori che conosciamo già e che saprà sorprendervi.

Come i mercatini vicino al porto che vendono prodotti freschi, carne, pesce, frutti di bosco e tanto altro. E come la cioccolata Goodio, marchio creato sui principi di sostenibilità, benessere e trasparenza. La cioccolata viene lavorata pochissimo per mantenere gli ingredienti il più possibile vicino al loro stato naturale. Il cioccolato Goodio è fatto a mano con cura, racchiude quei sapori di Helsinki che non ti aspetti!

Non posso infine dimenticare la liquirizia salata Salmiakki: sono delle caramelle che contengono del cloruro di ammonio aggiunto all’estratto di radice di liquirizia. Non chiedetemi se è buona o no, la dovete assaggiare e provare quel brivido lungo la schiena per un sapore al quale non siete abituati.

Helsinki – dove mangiare

Un consiglio: prenotate sempre sia a pranzo che a cena! Sarà facile capire che in finlandese ristorante si dice “ravintola”e quelli che non potete perdervi sono:

  • Löyly: si trova nella parte meridionale della città che da industriale, sede di magazzini portuali e cantieri di imbarcazioni, si sta trasformando in una zona residenziale di alto livello. Il ristorante è eccellente, non proprio economico, con una vista stupenda.

Löyly HELSINKI – DOVE MANGIARE Löyly HELSINKI – DOVE MANGIARE

  • Savotta: locale caratteristico, proprio di fronte alla cattedrale luterana di Helsinki, con proposta totalmente locale di sapori e tradizioni da provare. Qui potete assaggiare sia la carne di orso che quella di renna. Il locale è bellissimo, ho amato la tavola apparecchiata con degli strofinacci come tovaglioli, ed è uno degli edifici più antichi della città.

Savotta HELSINKI – DOVE MANGIARE

  • Juuri: si trova vicino al Museo del Design, il menú è base di prodotti locali cucinati in modo contemporaneo. L’ambiente è davvero accogliente, raccolto, illuminato in modo molto caldo. 

Juuri HKELSINKI – DOVE MANGIARE Juuri HKELSINKI – DOVE MANGIARE Juuri HKELSINKI – DOVE MANGIARE

  • The cock: è sicuramente un locale molto giovanile e moderno. Io mi sono fermata qui per un aperitivo a base di birra locale e ostriche, servite con una salsa acidula moto particolare.

The cock HELSINKI – DOVE MANGIARE

  • Lasipalatsi: situato nella zona centrale della città a due passi dalla stazione, offre una proposta delicata e gustosa. L’atmosfera può sembrare quella di tempi passati sia per l’arredamento sia per la preparazione della tavola. Ispirato al razionalismo e arredato di conseguenza, con i camerieri che servono con i guanti bianchi.

Lasipalats HELSINKI – DOVE MANGIARE Lasipalats HELSINKI – DOVE MANGIARE

  • Sokos Hotel Torni: non è un luogo dove mangiare, ma sicuramente dove prendere un aperitivo con vista presso il bar che si trova sulla sommità e si chiama Ateljee Bar. Questo albergo offre la terrazza panoramica più alta di tutta la città, vi permetterà di orientarvi e riconoscere tutti i posti che avete visitato.

Ateljee Bar HELSINKI – DOVE MANGIARE Ateljee Bar HELSINKI – DOVE MANGIARE Ateljee Bar HELSINKI – DOVE MANGIARE

  • Ekberg: se siete amanti dei brunch non potete non godervi una domenica di pace e di relax in questo antico bar di Helsinki. Tra caffè, dolci, salmone, tea e mille leccornie vi è da perderci la testa.
Helsinki – la sua conformazione

Una delle cose che più mi ha colpita di Helsinki è che ci sono oltre 300 isole intorno all’area della città. Non si è mai lontani dal mare, la natura è a portata di mano. Questa è una cosa veramente unica e sorprendente per una grande capitale europea. Ed allo stesso tempo ti senti come a cavallo tra l’est e l’ovest. Puoi vedere l’influenza russa e l’architettura europea una affianco all’altra. Se visitate la città in giorni freddi o piovosi e vi domandate “ma non c’è nessuno in città, dove sono tutti?” È perché Helsinki è dotata di una rete di cunicoli sotterrai tra il livello dove abitiamo e quello dove scorrono le metropolitane che vi permetterà di raggiungere tutti i luoghi della città proteggendovi dal vento e dalla neve, provare per credere.

Helsinki – le saune

Come vi accennavo, il clima di questa città è molto rigido. Sapevate che vede l’estate vi è il sole a mezzanotte? Il resto dei mesi è caratterizzato da basse temperature, ghiaccio e neve. Eccovi spiegato perché la sauna è un modo di vivere qui, si fa la sauna almeno una volta a settimana. Il modo di fare la sauna (questa parola è finlandese) è molto diverso rispetto al nostro: è un andare avanti e indietro tra questo luogo caldo che fa sudare al gelido Mar Baltico dove ci si immerge a pochi passi. Apparentemente questo ha molti benefici per la salute e la circolazione – personalmente ho rischiato l’infarto. Pensate che tutti gli edifici hanno una sauna: anche il parlamento ha una sauna, d’altronde si stima che vi siano tre milioni di saune per cinque milioni di finlandesi! Se volete essere veri finlandesi ricordate che quando chiedete informazioni sulla sauna non dovete domandare se è bella e si sta bene, ma come è il vapore!

Helsinki – le saune che ho provato

Io ho provato queste tre:

  • Lōyly non è solo un ristorante! È un locale molto alla moda che ha una sauna bellissima di genere misto e dove quindi si deve rigorosamente andare in costume da bagno. Qui potete provare la “smoke sauna” dove io ho resistito solo 5 minuti e subito dopo farvi un tuffo nel Baltico per rinfrescarvi. Attenzione, anche la sauna necessita di prenotazione. Lōyly è una antichissima parola finlandese che esprime un concetto lontano dalla nostra cultura ma che è parte integrante di quella finlandese: rappresenta lo spirito della sauna che può essere, più concretamente, sia il caldo vapore dell’acqua fredda quando cade sulle pietre roventi che l’anima che presiede e governa quella sauna.
  • Allas sea pool: situata nel centro città a due passi dal porto, è stato il luogo dove per la prima volta in vita mia ho provato la sauna finlandese. Insieme a mia sorella abbiamo usato la sauna femminile, ma vi è anche quella mista. La sauna è un luogo dove i finlandesi si lasciano andare, si spogliano nel vero senso della parola, e la usano come luogo di ritrovo per chiacchiere con amiche o per giornate in famiglia. Non è necessario entrare nudi nella sauna se non si ha questa confidenza, nessuno vi giudicherà. Ciliegina sulla torta vi sono due piscine: una è nel mare gelida, l’altra è riscaldata a 28 gradi. Uscire dall’acqua è sempre un gesto temerario, il vento gelido vi farà correre per tornare a riscaldarvi nell’abbraccio della sauna che profuma di legno.

Yrjönkatu Swimming Hall HELSINKI – LE SAUNE CHE HO PROVATO

  • Yrjönkatu Swimming Hall: reputo che questo sia l’edificio più bello in assoluto dove ho nuotato. È infatti una splendida piscina con sauna collocata in un palazzo degli anni ’20 in stile Art déco, situato in pieno centro: benvenuti nella piscina pubblica più antica di Europa. Attenzione ai giorni, infatti sono separati per uomini e donne, inoltre l’utilizzo del costume è permesso solo nella piscina, nella sauna è vietato. Qui l’ingresso è a tempo, il vostro biglietto è valido due ore dall’ingresso all’uscita, doccia compresa, e sono molto rigidi in merito. Questa è l’esperienza di sauna finlandese più locale e vera che potrete fare.

Yrjönkatu Swimming Hall HELSINKI – LE SAUNE CHE HO PROVATO

Helsinki – appartamenti Aallonkoti

Il modo migliore per vivere Helsinki? Quello di alloggiare in un appartamento per poterla vivere come un locale. Per chi viaggia spesso come me, potersi sentire per una settimana dentro una casa vera è un lusso non da poco. Ma anche chi non viaggia abitualmente potrà trovare con questa soluzione la possibilità di mantenere le proprie abitudini. Dove alloggiare? Io ho alloggiato presso Aallonkoti hotel apartments.

HELSINKI – APPARTAMENTI AALLONKOTTI HELSINKI – APPARTAMENTI AALLONKOTTI

Ad appena 10  minuti dal centro della città, vicinissimo alla stazione e a tante fermate degli autobus in un nuovo quartiere tranquillo. Un bagno grande, una saletta con un letto comodo a due piazze, un piccolo angolo con uso cucina fornito di tutto, dal forno al microonde, dalla lavastoviglie, al frigo alla macchietta per il caffè. Alloggiare una settimana qui vi darà la possibilità di organizzare al meglio le vostre giornate, fare colazione in casa e se si è troppo stanchi per uscire la sera a cena si può cucinare qualcosa qui, magari andare al supermercato e provare a cucinare come un finlandese

HELSINKI – APPARTAMENTI AALLONKOTTI HELSINKI – APPARTAMENTI AALLONKOTTI

Helsinki – due souvenir curiosi

Quasi me ne stavo per dimenticare. Volete portare a casa due souvenir curiosi? Allora dove regalarvi un personaggio dei Mumin. I Mumin sono personaggi di finzione creati dalla scrittrice ed illustratrice finlandese di lingua svedese Tove Jansson. Dall’aspetto simile ad ippopotami bianchi, abitano nella valle omonima, luogo tranquillo e sicuro, e le loro storie narrano degli eventi che accadono nella valle. Vi assicuro che li troverete ovunque.

L’altro souvenir è un ciondolo catarinfrangente. Tradizionalmente i catarinfrangenti sono usati nei paesi nordici durante i mesi invernali che sono molti bui, e ovviamente questi piccoli ciondoli hanno la capacità di riflettere la luce. Questo per rendervi visibili agli automobilisti, aiutarvi ad essere più visibile mentre si passeggia per la strada o richiamare l’attenzione dell’autista quando si aspetta l’autobus – per questo l’abbonamento dei mezzi è dotato di un lato catarinfrangente. Sembra una cosa di poco conto, ma aiuta a essere più sicuri e ancora una volta il design incontra la vita di tutti i giorni ad Helsinki.

È come se Helsinki fosse uno dei segreti meglio custoditi in Europa. Non è ancora una meta turistica, non è invasa da turisti e mantiene un’atmosfera locale e creativa. E voi siete mai stati ad Helsinki?

Ho un regalo per voi, prenotando tramite questo link avrete diritto a 25€ di sconto su Booking.com

 

In partnership con MyHelsinki

Tutte le foto sono state realizzate con fotocamera Sony α7 RII e obbiettivo FE 24-70 mm F2,8 GM 

Share