SMITHSONIAN – NATIONAL AIR AND SPACE MUSEUM

Washington, DC – visitare i musei Smithsonian ed il campidoglio

Washington DC è conosciuta per i suoi musei Smithsonian. Chi ha fatto una passeggiata per il National Mall probabilmente ha visto la maggior parte di questi dal momento che si trovano tutti tra il monumento a Washington e il Campidoglio.

La Smithsonian Institution comprende 19 diverse gallerie e musei, nonché il National Zoological Park. Ogni museo è molto grande, lo spazio espositivo e le opere richiedono molto tempo per una visita completa, quindi sarebbe quasi impossibile visitarli tutti in un fine settimana. I miei preferiti sono lo Smithsonian National Air and Space Museum e lo Smithsonian National Museum of Natural History, ma c’è anche un museo di storia americana, un museo di arte americana, il museo degli indiani d’America, un museo di storia e cultura afroamericana, e persino un museo postale. E la parte migliore? Tutti i musei Smithsonian sono gratuiti al 100%. La città, inoltre,  mette a disposizione la visita gratuita di molti altri complessi storici, come il Campidoglio e la Library of Congress.

Io vi racconto quelli che ho visitato.

Smithsonian – Museo Nazionale di Storia Naturale

Come vi ho già detto questo è uno dei miei musei preferiti a Washington DC ed anche il primo che ho visitato. Spazia dall’evoluzione della vita sulla Terra alla scoperta delle rocce, dei minerali e della composizione e comportamento del nostro pianeta. Indicato sia per i più piccoli che per gli adulti, appassionati di scienza e di paleontologia. È uno dei musei più importanti al mondo.

SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE

SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE

Una delle sale più importanti è sicuramente quella sui minerali e la geologia: ci sono reperti di meteoriti, vulcani, un pezzettino della luna e persino la polvere di stelle. Inoltre qui si trova il diamante Hope, famoso per le sue dimensioni e la rara colorazione blue, ed il zaffiro Stella d’Asia che è uno dei più grandi al mondo. Altrettanto importanti sono la sala dedicata all’origine dell’uomo, quella dei dinosauri e la sala dei mammiferi. Lascia senza fiato anche la sala dedicata all’oceano, dove sono esposti, tra gli altri, una balena franca, due meduse giganti, lo scheletro di un basilosauro ed un cetaceo prestorico.

SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE SMITHSONIAN – MUSEO NAZIONALE DI STORIA NATURALE

Smithsonian – Museo di storia Americana

La cosa più stravagante del National Museum of American History è che troverete esposti artefatti iconici come le scarpette rosso rubino di Dorothy del Mago di Oz, Kermit la rana e la proclamazione dell’emancipazione firmata da Abraham Lincoln, insieme al vestito che Lincoln indossava quando fu assassinato. E la Batmobile usata da Tim Burton nel film “Batman” del 1969! Il museo ha più di 3 milioni di reperti, in costante rinnovamento. La storia degli Stati Uniti è presentata in modo attraente e interattivo, e alcuni oggetti fermano davvero il respiro dei visitatori.

Questo museo è sicuramente un modo per tornare indietro nel tempo, scoprire ed esplorare la complessità della storia americana. Si potrà comprendere e analizzare lo sviluppo culturale, sociale e tecnologico degli Stati Uniti d’America.

SMITHSONIAN – MUSEO DI STORIA AMERICANA SMITHSONIAN – MUSEO DI STORIA AMERICANA SMITHSONIAN – MUSEO DI STORIA AMERICANA

Smithsonian – la galleria d’Arte

La National Gallery of Art ospita una delle migliori collezioni d’arte al mondo. Pensate che qui è esposto l’unico dipinto di Leonardo da Vinci presente negli Stati Uniti, “Ginevra de’ Benci”. Le collezioni permanenti della National Gallery of Art comprendono opere di Edgar Degas, Rembrandt, Francisco Goya, Van Gogh e tanto altro ancora. Infatti questo è uno dei musei più visitati degli Stati Uniti.

SMITHSONIAN – LA GALLERIA D’ARTE SMITHSONIAN – LA GALLERIA D’ARTE SMITHSONIAN – LA GALLERIA D’ARTE SMITHSONIAN – LA GALLERIA D’ARTE SMITHSONIAN – LA GALLERIA D’ARTE

Smithsonian – National Portrait Gallery

Non è curioso che vi sia un museo chiamato “National Portrait Gallery”? Come suggerisce il nome, ospita ritratti e fotografie storici e culturalmente significativi. Attraverso i nuovi media, le arti dello spettacolo e le arti visive, viene raccontata la storia dell’America e coloro che hanno contribuito a modellarla. Qui sono ospitati i ritratti di poeti, attori, attivisti, e dei presidenti americani: quando sono arrivata a Washington DC avevano da poco esposto quello di Obama.

Le esposizioni famose alla National Portrait Gallery includono la Hall of Presidents, le copertine della rivista Time, un dagherrotipo di Frederick Douglas e altro ancora. Questo museo non fa parte del complesso del The Mall, ma è adiacente al quartiere di Chinatown

SMITHSONIAN – NATIONAL PORTRAIT GALLERY SMITHSONIAN – NATIONAL PORTRAIT GALLERY

Smithsonian – Museo di Hirshhorn e giardino delle sculture

Questo museo presenta un’architettura molto curiosa: è a forma di cilindro. Adiacente ad esso si trova una piazza ed il giardino delle sculture. L’arte moderna e contemporanea qui esposta intende dare voce all’arte e agli artisti e creare esperienze significative per i presenti.

Al suo interno vanta opere di di artisti quali Picasso, Matisse, Pollock, Rothko, Andy Warhol e molti altri ancora. Nel giardino delle sculture adiacente al museo sono esposte opere di molti artisti tra cui Rodin, Smith, Calder e Koons. Se siete amanti dell’arte moderna è un museo assolutamente da visitare.

SMITHSONIAN – MUSEO DI HIRSHHORN E GIARDINO DELLE SCULTURE SMITHSONIAN – MUSEO DI HIRSHHORN E GIARDINO DELLE SCULTURE SMITHSONIAN – MUSEO DI HIRSHHORN E GIARDINO DELLE SCULTURE SMITHSONIAN – MUSEO DI HIRSHHORN E GIARDINO DELLE SCULTURE SMITHSONIAN – MUSEO DI HIRSHHORN E GIARDINO DELLE SCULTURE

Smithsonian – National Air and Space Museum

Il National Air and Space Museum è uno dei musei più famosi al mondo. Al suo interno ospita la più grande collazione di veicoli al mondo.

Nel National Air and Space Museum ogni visitatore può fare un viaggio dello spazio, grazie a video, foto e documenti. Dagli aerei storici alle enormi astronavi come il modulo di comando Apollo 11, la collezione è vasta e comprende oltre 60 aerei, 50 artefatti spaziali e 2.000 oggetti più piccoli come razzi, motori, uniformi, satelliti. Il museo collabora con la NASA, per questo le esposizioni sono così interessanti, ed inoltre qui si può rivivere i primi viaggi nello spazio.

SMITHSONIAN – NATIONAL AIR AND SPACE MUSEUM SMITHSONIAN – NATIONAL AIR AND SPACE MUSEUM SMITHSONIAN – NATIONAL AIR AND SPACE MUSEUM SMITHSONIAN – NATIONAL AIR AND SPACE MUSEUM SMITHSONIAN – NATIONAL AIR AND SPACE MUSEUM

Smithsonian – la galleria Renwick

A pochi passi dalla casa Bianca si trova la Renwick Gallery. Un mix perfetto di semplicità e raffinatezza. Un museo piccolo, che permette di prestare la massima attenzione ad ogni pezzo senza annoiarsi. Ho trovato questo museo molto calmo ma dinamico al tempo stesso, con mostre itineranti che cambiano spesso, ma sempre molto particolari.

Fino al 21 gennaio 2019 potrete vedere la mostra “No Spectators: The Art of Burning Man”. Ogni anno, nel Black Rock Desert del Nevada, una città di oltre 70.000 persone si alza dalla polvere per una sola settimana. Durante quel periodo, vengono erette enormi installazioni di arte sperimentale e molte sono ritualmente bruciate sul terreno. No Spectators: The Art of Burning Man porta per la prima volta il lavoro partecipativo su larga scala da questo raduno nel deserto a un museo. Consigliatissima!

SMITHSONIAN - LA GALLERIA RENWICK SMITHSONIAN - LA GALLERIA RENWICK SMITHSONIAN - LA GALLERIA RENWICK SMITHSONIAN - LA GALLERIA RENWICK

Smithsonian – Lo zoo

Sebbene lo Smithsonian National Zoo non possa essere considerato un tipico museo, le mostre incentrate sull’educazione consentono ai visitatori di apprendere ed esplorare la scienza degli animali mentre si rapportano con gli abitanti di questo parco.

Lo scopo principale di questa struttura non è quello di mettere gli animali in mostra, bensì preservarli dalla loro estinzione, conoscerne le cause che ne portano adesso alla scomparsa e cercare di reintegrarli in natura. Un esempio del lavoro svolto fino ad oggi è il cucciolo di panda Bao Bao, nato qui nel 2014: il secondo cucciolo di panda nato e sopravvissuto a DC, a dimostrazione del grande lavoro di conservazione che viene fatto da chi lavora qui.

SMITHSONIAN – LO ZOO

Smithsonian – Newseum

Volendo tradurlo lo chiameremmo il museo della stampa, delle news. È uno dei rari musei a pagamento: il costo è di circa 22$. Sette piani di mostre, una dedica all’importanza delle cinque libertà protette dal Primo Emendamento e la passione per la storia dei media si uniscono per creare il Newseum, considerato uno dei musei più interattivi al mondo.

Qui si trova la sezione più grande del muro di Berlino originale esistente al di fuori della Germania,  ma devo ammettere che le sezioni che mi hanno più colpita sono state quella dedicata all’FBI e ai casi terroristici più importanti avvenuti nel paese, e la sezione dedicata all’11 settembre, dove un pilastro delle torri gemelle si erge tra le copertine dei giornali di tutto il mondo che riportavano la tragica notizia.

SMITHSONIAN – NEWSEUM SMITHSONIAN – NEWSEUM SMITHSONIAN – NEWSEUM SMITHSONIAN – NEWSEUM SMITHSONIAN – NEWSEUM

SMITHSONIAN – NEWSEUM

Smithsonian – il castello

The Castle, il castello: il centro informazioni del complesso dello Smithsonian e il suo quartiere generale. Indubbiamente bellissimo da fotografare al suo esterno, all’interno ha un caffè e Wi-Fi libero per i visitatori.

Vi consiglio sempre di controllare gli orari di apertura del museo: è possibile scaricare una app gratuita che riassume tutte le informazioni di cui avete bisogno, ma generalmente tutti i musei seguono l’orario di apertura dalle 10 di mattina fino alle 5 di sera.

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

Washington DC – U.S. Capitol

Il simbolo per eccellenza della democrazia e della libertà degli Stati Uniti d’America: il Campidoglio. Questo è il cuore legislativo del paese che con i suoi appena 200 anni ha visto giurare i presidenti all’inizio del loro mandato. Il Campidoglio è anche la sede ufficiale dei due rami del Congresso degli Stati Uniti, il Parlamento Americano, composto dalla Camera dei Senatori dei 50 stati (con 100 senators) e dalla Camera dei Rappresentati del popolo (con 435 representatives). Si tratta di un monumento realizzato in stile neoclassico: qui trecento milioni di persone e cinquanta stati con le loro diverse culture e tradizioni vengono rappresentati.

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

È in questo imponente edificio che si promulgano le leggi, gli emendamenti, i decreti, insomma qui è rappresentata la libertà, l’esercizio della democrazia e l’uguaglianza di tutti gli esseri umani. La visita è gratuita e basta prenotarsi online: una guida vi condurrà attraverso le sale del vecchio Campidoglio, ad iniziare dalla Capitol Crypte dove sono conservate 13 statue a rappresentare gli originali paesi fondatori. Poi la Old Hall of the House of Representatives, dove sono conservate le statue dei più influenti personaggi della politica americana. La visita finisce alla Rotonda, ovvero all’interno dell’imponente cupola che al suo centro è abbellita dall’affresco “l’apoteosi di George Washington”.

Nella visita non è compreso l’accesso alle attuali camere. Per ottenerlo basta recarsi durante i giorni lavorativi con il passaporto ai desk di competenza ed ottenere uno speciale pass per visitarle, sempre gratuitamente.

WASHINGTON DC – U.S. CAPITOL WASHINGTON DC – U.S. CAPITOL WASHINGTON DC – U.S. CAPITOL WASHINGTON DC – U.S. CAPITOL

Washington DC – Library of Congress

Terminata la visita al Campidoglio, non scappate via. Infatti vi è un tunnel sotterraneo connesso direttamente con la Library of Congress. Questa è la più grande biblioteca al mondo. La sua sala più famosa, la Main Reading Room, contiene più di 29 milioni di testi. Uno dei testi più importanti che si trovano qui è la Bibbia di Gutenberg (che mi ha fatto tornare in mente i miei giorni in Germania e la mia visita a Mainz), ovvero il primo testo stampato in Europa con la tecnica dei caratteri mobili, realizzato tra il 1453 ed il 1455.

WASHINGTON DC – LIBRARY OF CONGRESS

Washington DC – il giardino botanico

Questo posto non è solo il paradiso dei giardinieri ma è pieno di storia e significato, come lo è quasi ogni centimetro quadrato di Washington DC. Si trova a pochi passi da Capitol Hill e presenta mostre tutto l’anno; anzi, la sala principale viene rivoluzionata ad ogni stagione. Per esempio questo inverno vi era una cascata di orchidee, adesso gli alberi dei mandarini.

L’edificio di 83 anni è una meraviglia in sé, compresa la cupola di vetro alta 93 piedi: mi piace soprattutto il soppalco che ti permette di guardare dall’alto la volta della giungla. Le altre sale sono un alternarsi di habitat, da quello tropicale, al deserto, fino alle piante medicinali. Un luogo perfetto per rilassarsi e godersi la natura.

WASHINGTON DC – IL GIARDINO BOTANICO WASHINGTON DC – IL GIARDINO BOTANICO

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

Washington DC – Artechouse

Vi segnalo infine l’Artechouse: una galleria permanente dedicata a idee pionieristiche nel mondo dell’arte multimediale e digitale. All’incrocio tra arte, scienza e tecnologia, ARTECHOUSE presenta una vera esperienza artistica del XXI secolo. Anche qui l’ingresso è a pagamento, 15$ circa, e le mostre sono temporanee.

WASHINGTON DC – ARTECHOUSE WASHINGTON DC – ARTECHOUSE WASHINGTON DC – ARTECHOUSE

Una pubblicità al di fuori dei musei Smithsonian recita “così tanti musei, così poco tempo”. È impensabile riuscire a visitarli tutti, non ci sono riuscita nemmeno io, ed infatti questo articolo avrà bisogno di essere implementato. Però mi auguro di riuscire a darvi un’idea generale su cosa aspettarsi in modo da visitare il vostro museo preferito. Quali avete messo in lista?

Share