TENUTA DI ARTIMINO – LA VILLA DEI CENTO CAMINI

Tenuta di Artimino – una destinazione per wine e relax

La tenuta di Artimino è stata una bella scoperta di fine agosto. Non conoscevo questa villa Medicea, fino a quando non sono stata invitata a scoprire la struttura.

Sembra impossibile, trovandosi a poco più di mezz’ora di macchina da Firenze, ma non si smette mai di conoscere il proprio territorio. E questa è stata davvero una bella sorpresa.

Le ville Medicee sono dei complessi architettonici rurali venuti in possesso alla famiglia Medici in vari modi, durante il XV e il XVII secolo. Queste grandi ville si trovano in Toscana, principalmente nei dintorni di Firenze. Usate come luoghi di riposo, erano tenute dove i membri della famiglia Medici si rifugiava durante i periodi estivi. Essendo ubicate nei territori amministrati dai Medici stessi, servivano anche da centri dell’attività economiche agricole dell’area in cui si trovano.

Tenuta di Artimino – la storia della tenuta

La Tenuta di Artimino è una di queste ville Medicee, situata nel cuore della Toscana, ed appartiene alla famiglia Olmo dal 1989. Giuseppe Olmo, noto ciclista degli anni ’30, acquistò questa villa per trasformarla in una oasi di bellezza e del vivere bene. Oggi l’eredità è affidata ai nipoti, con l’intenzione di trasformare questo angolo di Toscana in una vera wine destination.

Tenuta di Artimino – la villa dei cento camini

La villa Medicea, conosciuta anche come “La Ferdinanda”, è il simbolo della tenuta di Artimino e della sua lunga storia Medicia. Venne costruita nel 1596, per volte di Ferdinando I de’ Medici, su disegno di Bernardo Buontalenti, ed ha mantenuto immutato il suo fascino. Altro nome che le è stato dato è “Villa dei Cento Camini” per via degli innumerevoli camini che ne adorano il soffitto: non ce ne è uno uguale all’altro e sono tutti molto grandi, hanno dimensioni di quasi tre metri. Un tempo luogo di fasti e di arti, oggi è un patrimonio Unesco ed una location da favola per eventi e matrimoni.

La tenuta prende il nome dal piccolo paesino medievale che si trova sul poggio dirimpietto, Artimino appunto, una frazione del comune di Carmignano, in provincia di Prato. In questo piccolo borgo si respira la tranquillità e tutta la meraviglia del territorio toscano, avvolto in oltre 700 ettari di vigneto.

Tenuta di Artimino – L’OSPITALITÀ DIFFUSA


Il resort si contraddistingue per la sua proposta di “ospitalità diffusa”: un hotel 4 stelle, svariati appartamenti disseminati per il Borgo medioevale, una storica Villa Medicea, un ristorante gourmet, una spa e un’azienda agricola che produce olio e vino.

L’hotel ubicato nell’antica Paggeria Medicea, risale al XVI secolo, ospita 37 camere, una diversa dall’altra il cui arredamento è ispirato dai colori dei pregiati vini e all’olio extra vergine della Tenuta, ed uniscono i meravigliosi elementi della Toscana rinascimentale. Le camere sono molto ospitali ed io sono rimasta innamorata della vasca da bagno corredata di un porta bicchiere per godersi un bagno in totale relax gustando dell’ottimo vino.

Completano la struttura 59 appartamenti, nel borgo medievale di Artimino, e 6 appartamenti affacciati sui vigneti ricavati da una casa colonica, per vivere il fascino della Toscana più autentica e in autonomia.

Conclude la struttura il ristorante Biagio Pignatta, che propone una cucina di alto livello. Un ristorante a km 0 con cucina del territorio, che dispone di un proprio orto per l’approvvigionamento di verdure di stagione. Un ristorante dove farsi travolgere da sapori antichi e rivisitati con maestria dalla Chef Michela Bottasso.

ristorante Biagio Pignatta

ristorante Biagio Pignatta

Una piccola novità è una sfera tra gli olivi. Un luogo ideale per un momento romantico sotto il cielo stellato, magari per una cena originale o un dopo cena in totale relax con cantuccini e Vin Santo.

TENUTA DI ARTIMINO – L’OSPITALITÀ DIFFUSA

TENUTA DI ARTIMINO – L’OSPITALITÀ DIFFUSA

Tenuta di Artimino – Le attività sportive

A rendere il soggiorno ancora più speciale vi è un campo da tennis, una piscina e dei percorsi da fare in bicicletta. Quasi dimenticavo, vengono organizzate, su prenotazione, delle sessioni di Yoga nel parco. Sia per un inizio giornata all’insegna della carica e dell’energia, che per rilassarsi nelle ore serali, ci si può dedicare a questa antica pratica per trovare pace e armonia. Ammetto che è stata la mia primissima lezione di Yoga, ed è stata una esperienza bellissima, tanto che adesso sto seriamente pensando di praticare questa disciplina regolarmente.

Tenuta di Artimino – LA WINE THERAPY

Non solo il luogo speciale per chi ha bisogno di relax o per chi vuole concedersi una coccola, ma un luogo ideale per tutti gli intenditori e gli amanti del vino per vivere questo prodotto in ogni sua essenza. Come vi dicevo, la tenuta comprende anche una spa in cui abbandonarsi alle cure e alle premure di uno staff professionale. Il percorso benessere è dotato di una vasca idromassaggio, docce emozionali con cromoterapia, sauna finlandese e bagno turco. Fiore all’occhiello, e trattamento unico nel suo genere, è la wine therapy: i benefici del vino sono noti anche quando di parla di cura della pelle. Ci si rilassa in una tinozza dove l’acqua è stata arricchita con sali di vino, un rimedio per combattere i segni del tempo e contrastare l’azione dei radicali liberi, per migliorare elasticità e idratazione della pelle, nonché per migliorare la microcircolazione. Tutto questo, mentre rilassandovi, assaporerete un ottimo bicchiere di vino della tenuta.

Tenuta di Artimino – IL VINO

Come avrete capito, il vino è il protagonista assoluto di queste cantine. Artimino è un luogo incontaminato dove la coltivazione della vite risale all’epoca etrusca. Questa area vanta una lunga storia enologica, iniziata proprio con gli etruschi e continuata con la famiglia dei Medici. Vigne da secoli circondate da boschi che godono di un territorio unico grazie ad un ecosistema, che si è mantenuto intatto, ideale soprattutto per il sangiovese. Vinicoltura responsabile e avanzate tecnologie in cantina, con l’obiettivo di aiutare la naturale vocazione dei terreni, sono le caratteristiche di questa azienda.

Qui troverete due preziose doc toscane. Il Carmignano Dogc, un vino dalla storia antica, amato già dalla famiglia dei Medici. Pensate che il Carmigiano fu protagonista del Bando che Cosimo III emise nel 1716, e che viene considerato il disciplinare più antico del mondo. Il Chianti è l’emblema della regione Toscana, Il Barco Reale Doc prende il nome dalla grande riserva di caccia medici, della cui cinta muraria sono ancora oggi visibili alcuni resti. La Doc Barco Reale è presente anche nella versione rosato, come da antica tradizione, chiamato Vin Ruspo.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

TENUTA DI ARTIMINO – IL VINO
TENUTA DI ARTIMINO – IL VINO
TENUTA DI ARTIMINO – IL VINO
Tenuta di Artimino – le degustazioni di vino

Per tutti gli appassionati di questo nettare divino, la tenuta mette a disposizione l’Artimino Grand Tour dove a bordo di una jeep verrete guidati nel vigneto, attraverso scorci paesaggistici unici e tra le vecchie rovine del muro del Barco Reale, che delimitava l’antica riserva di caccia dei Medici. Al termine del tour vi aspetterà una degustazione privata di tre vini della Tenuta, accompagni da un sommelier che vi farà scoprire tutti i segreti e la storia di questi vini.

La degustazione di tre vini della Tenuta Artimino è disponibile anche nella sua versione più classica, ovvero abbinata a salumi e formaggi. Oppure abbinata ad un gustoso pranzo presso il Biagio Pignatta, dove il sommelier vi guiderà nella scelta dei vini, consigliandovi quelli che meglio sanno esaltare i sapori delle pietanze.

Per una degustazione davvero elegante e diversa dal solito, niente è meglio dello Chic-Nic. Una piacevole passeggiata con vista vigneti e oliveti fino a raggiungere uno dei punti più suggestivi della Tenuta, da cui poter godere di una meravigliosa vista sulla campagna toscana. Una degustazione privata all’aria aperta, di quattro vini accompagnati da un cestino picnic colpo di proposte gourmet e del territorio.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

TENUTA DI ARTIMINO – LE DEGUSTAZIONI DI VINO

Una struttura ideale, sia per chi è alla ricerca di un fine settimana di relax, sia per chi è alla scoperta del territorio toscano. Cosa aspettate a immergervi nella storia di queste vigne?

 

In collaborazione con Tenuta di Artimino

Tutte le foto sono state realizzate con fotocamera Sony α7RII e obbiettivo Vario-Tessar® T* FE 24-70 mm F4 ZA OSS

Share