Kyoto – le volpi del Fushimi Inari e i cervi di Nara

Nessun viaggio a Kyoto può definirsi tale senza la visita al Fushimi Inari Taisha. Lo si raggiunge tramite la stazione ferroviaria JR alla fermata Fushimi Inari, sulla linea per Nara. La stazione stessa è decorata a tema, con tante piccole volpi collocate qua e là e l’arancione acceso a richiamare il tempio.

Continua a leggere Kyoto – le volpi del Fushimi Inari e i cervi di Nara

Share

Cracovia – la miniera di sale di Wieliczka

Uno degli spettacoli della Polonia assolutamente da non perdere sono le miniere di sale di Wieliczka. Dall’esterno non si può minimamente immaginare ciò che ci aspetta all’interno: l’esperienza è davvero unica, difficile da trovarsi altrove, e quindi andando a visitare Cracovia non ci si può esimere dal recarcisi. È come vivere “Il viaggio al centro della terra” di Jules Verne.

Continua a leggere Cracovia – la miniera di sale di Wieliczka

Share

Kyoto – Tra il distretto di Arashiyama ed il tempio di Uji

Nella periferia occidentale di Kyoto sorge un altro distretto turistico: Arashiyama, dove il paesaggio sembra uscito da un dipinto: una montagna verdissima sullo sfondo e un fiume con delle adorabili barchette colorate ticchettato dalla pioggia che cade fitta.  Il ponte di Togetsukyo è uno dei simboli di Arashiyama. Anche se il fiume che corre sotto il ponte è uno, i nomi si differenziano: è chiamato “Honzu River” sul lato ovest del ponte, e “Katsura River” sul lato est.

Continua a leggere Kyoto – Tra il distretto di Arashiyama ed il tempio di Uji

Share

Cracovia – alla scoperta del quartiere ebraico e Nowa Huta

La capitale della Polonia è Varsavia, ma sicuramente Cracovia è un tesoro da aggiungere alla lista delle città da visitare. La sua popolarità sta crescendo tra i turisti: merito di essere una città tra le più economiche in Europa, unita alla ricchezza delle cose da vedere e ad una fiabesca architettura. Ma cosa più mi ha affascinata è la storia pulsante delle sue due facce: quella dell’occupazione nazista nel quartiere ebraico ed il sogno socialista di Nowa Huta.

Continua a leggere Cracovia – alla scoperta del quartiere ebraico e Nowa Huta

Share

Cracovia – la città da non perdere!

Come posso definire Cracovia se non sorprendente, romantica, affasciante, maestosa! Una città magica in cui perdersi tra vecchie botteghe e leggende, una città in continua evoluzione che sembra sospesa eternamente nel tempo e nella storia.

Una destinazione all’insegna della cultura e del divertimento, non eccessivamente turistica e soprattutto economica. Io non conoscevo questa città e sono rimasta incantata dalle architetture medievali, dalla sua immensa offerta artistica e culturale e da quella gastronomica che non potrete fare a meno di provare.

Continua a leggere Cracovia – la città da non perdere!

Share

Mastercard – il sistema contactless tra una cena romantica e un taxi

Da circa un mese sono tornata stabilmente in Italia. Stabilmente è una parola che forse poco mi si addice. Diciamo che da circa un mese non ci sono più regolari viaggi in Germania e tra un viaggio e l’altro resto in Italia. Per l’esattezza a Roma.

La domanda che mi facevano più spesso era “cosa ti manca dell’Italia?”. Ovviamente le risposte sono quelle di un qualunque italiano all’estero: il meteo, il caffè e il cibo.

Sapete qual è stata la prima cosa che ho fatto la sera che sono arrivata a Roma? Sono andata a cena con il mio ragazzo, a mangiare una cacio e pepe!

Continua a leggere Mastercard – il sistema contactless tra una cena romantica e un taxi

Share

Valtellina – L’autunno in Valtellina meraviglie tra Livigno e Bormio

La Valtellina è un’area alpina nel nord-est della Lombardia. Ha la peculiarità di essere l’unica grande vallata fluviale alpina disposta da est a ovest. È lunga 120 chilometri e larga circa 65. La Valtellina è famosa per le sue specialità gastronomiche e per i suoi paesaggi da cartolina. È sicuramente una località che offre molte attrattive ai suoi visitatori: non solo ricchi sapori, ma tanto benessere a stretto contatto con la natura e tanta storia degli antichi abitanti della valle da scoprire.

Continua a leggere Valtellina – L’autunno in Valtellina meraviglie tra Livigno e Bormio

Share

Kyoto – Kinkaku-ji e Ryōan-ji

Seduta sul pullman a Kyoto. La città scivola dai finestrini mentre il bus è gremito di studenti che vanno a scuola. Ammiro tranquillamente il paesaggio urbano di Kyoto e noto con sorpresa come sia pacifica. Non ci sono edifici alti qui. In alcune parti della città gli edifici possono essere solo di una certa altezza. Kyoto è un posto speciale per tutti i giapponesi e quindi fanno di tutto per conservarla.

Continua a leggere Kyoto – Kinkaku-ji e Ryōan-ji

Share

Kanazawa – i quartieri Chaya dei Samurai e delle Geishe

Kanazawa è ricca di scorci che sembrano usciti da stampe antiche. Per chi ama il Giappone di una volta, Kanazawa offre qualcosa di particolare: il distretto samurai e delle geishe. Alcune vie sembrano cristallizzate al tempo del potente clan Maeda. Il tessuto urbano, rimasto immutato dal 1600, si snoda tra le strette vie costeggiate da case in legno che durante l’inverno sono avvolte in stuoie di paglia, komo, per evitare che il gelo e la neve le deteriori. Le case sono caratterizzate da mura di pietre e legno e sovrastate da un tetto di tegole.

Continua a leggere Kanazawa – i quartieri Chaya dei Samurai e delle Geishe

Share

Kanazawa – I musei da non perdere

Kanazawa e i suoi colori che cambiano a seconda della stagione nei giardini di Kenrokuen. Le acque limpide dei fiumi Saigawa e Asanogawa. L’abbondanza di verde lussureggiante e la natura in ogni angolo. La raffinata cultura tradizionale mista a elementi di modernità in uno sviluppo urbano che procede senza sosta. Questi i principali motivi per cui dovete visitarla.

“Dimentica il tuo bentō ma non dimenticare l’ombrello” è un proverbio che a Kanazawa tutti conoscono e tengono ben in mente. Ma io sono stata fortunata e ho trovato un sole splendente e caldo.

Continua a leggere Kanazawa – I musei da non perdere

Share