Il lato verde di Francoforte

Oggi voglio parlavi di una città che sto imparando a conoscere e scoprire sempre più: Francoforte sul Meno. Da Marzo dell’anno scorso mi sono trovata a volare spesso verso questa destinazione e inizialmente mi sentivo sperduta, divisa tra quell’essere turista e quel cercare di trovare la quotidianità in una città diversa da Firenze, con l’aggiunta di una lingua dura che non capivo. Ma ad ogni volo mi sentivo meno straniera, imparando a muovermi senza il costante bisogno di Google Maps, riuscendo anche a  “fare l’orecchio” al tedesco e scoprendo angolini e posticini di cui sicuramente vi parlerò.

La prima impressione che lascia Francoforte è quella di una città moderna, fatta di grattacieli altissimi, di uomini in giacca e cravatta, di una città in continuo movimento, non a caso è chiamata la “Mainh20161116_092620attan” (gioco di parole tra Main, il fiume Meno, e Manhattan, cuore finanziario di New York) d’Europa: per questo mi ha stupito scoprirla più verde di quello che sembra.

Infatti la città è ricca di parchi più o meno piccoli, arricchiti di piccoli laghetti, pieni di panchine, alcuni con spazi adibiti ai picnic e alle grigliate all’aperto. Tutti gli spazi verdi sono molto curati e iper-vissuti: ogni giorno si vedono persone fare attività fisica, portare a passeggio il cane, passare qui la pausa pranzo insieme ad un collega, leggere un libro o bere un caffè insieme ad un amico. 

Continua a leggere Il lato verde di Francoforte

Share