WASHINGTON DC – UNITED STATES NATIONAL ARBORETUM

Washington DC – tre luoghi a poche fermate di metro

In questi mesi a Washington DC ho scoperto e capito che la capitale degli Stati Uniti ha luoghi bellissimi di fama mondiale, alcuni molto conosciuti, altri nascosti. Quando si vive qui si inizia a essere un po’ seccati dalle file di autobus che scaricano turisti nei luoghi più famosi, e quindi si cercano dei posti più tranquilli e meno conosciuti.

Eppure è un peccato non conoscere e visitare questi luoghi, anche perché si raggiungono bene anche se si è dei turisti, magari senza un mezzo di trasporto proprio. Per i più sportivi si può noleggiare una bici, per tutti gli altri bastano alcune fermate di metropolitana.

Washington DC – Kenilworth Park & Aquatic Gardens

Lungo le rive del fiume Anacostia si trova il Kenilworth Park e Aquatic Gardens, che è l’unico parco nazionale dedicato alle piante amanti dell’acqua. Il parco presenta stagni coltivati con ninfee esotiche e fiori di loto. Come avrete già capito conoscendo i musei dello Smithosiam, anche questo parco è gratuito! Si raggiunge con la Metro arancione, da Metro center in direzione New Carrollton ad appena 10 fermate.

WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS

Washington DC -la storia del parco

Il terreno su cui è ospitato questo parco fu acquistato da un veterano della guerra civile, Walter Shaw, nel lontano 1880. Si racconta che Shaw fosse del Maine e che soffriva di nostalgia per le ninfee che vedeva laggiù, per questo iniziò a coltivare fiori tropicali. In particolare fiori di loto e ninfee, quindi specie che hanno bisogno di vivere in acqua. Costruì allora una serie di stagni delineati da passerelle di terra, come quelli che si vedono nel sud est asiatico. Negli anni ’30 i giardini vennero acquistati dal Congresso per poi essere affidati alla supervisione del servizio dei parchi, come succede con i più famosi Yellowstone e Yosemite.

Sicuramente il momento più bello per visitare questo parco è nella stagione estiva, in particolare intorno alla metà di luglio quando i fiori di loto sono nel massimo della loro fioritura. Per chi non volesse perdersi questo momento invito a vistare il sito internet ufficiale che è sempre aggiornato e fornisce indicazioni precise sulle fioriture in corso.

WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS

Washington DC – i fiori di loto

Io non avevo mai visto i fiori di loto in fiore, nemmeno durante la mia visita in Giappone, qui invece ho scoperto perché è venerato come sacro nella cultura indù. Il fiore di loto, quando si apre, si trova in alto sopra le acque torbide da cui emerge il gambo. Può simboleggiare il potenziale per la bellezza e l’illuminazione scaturita dalla torbidità della natura umana. Ammetto che di fronte a questa meravigliosa eleganza il resto della flora dei giardini è meno spettacolare, ma non per questo meno bella.

WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS

WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS

Washington DC -per gli amanti della fotografia

Se siete amanti della fotografia naturalistica, vi invito a prendere tutta la vostra attrezzatura e divertirvi con i fiori e gli abitanti alati dei giardini: api, farfalle, libellule, e se siete fortunati troverete anche qualche rana. Anche se siete amanti della pittura e vi piace dipingere all’aria aperta trovo che sia per voi un luogo dove sentirsi un po’ Monet.

Ricordatevi di portarvi un panino: l’area è attrezzata per il picnic, ma nelle vicinanze non c’è un ristorante o un punto ristoro dove comprare acqua e cibo. Inoltre durante l’estate il parco apre alle 8 e chiude alle 16, mentre in inverno l’orario è 9-17.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

WASHINGTON DC – KENILWORTH PARK & AQUATIC GARDENS
Washington DC – Arlington National Cemetery

L’Arlington National Cemetery è un luogo solenne e straziante. Il cimitero della memoria, dove sono seppelliti centinaia di migliaia di soldati morti nelle varie guerre che ha combattuto l’America. Resta il sacrificio di questi ragazzi, che hanno combattuto per un ideale. Oltre 400.000 caduti tra soldati e veterani sono sepolti qui.  Il cimitero ospita fino a 30 funerali al giorno – un numero che fa riflettere per un cimitero militare.

Per quanto sia solenne, il cimitero è anche un luogo di bellezza, grazia e tranquillità. I vasti e verdi paesaggi di alberi centenari, colline ondulate e giardini rigogliosi sono pensati per essere un luogo di pace per i visitatori e per coloro che riposano.

WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY. WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY.

Washington DC – punti di interesse

Uno dei punti di interesse è la tomba del milite ignoto. Creata nel 1921, ed il giorno dell’Armistizio di quell’anno il presidente Warren G. Harding officiava la sepoltura di un Milite Ignoto della Prima Guerra Mondiale. “Qui riposa nella gloria onorata un soldato americano noto solo a Dio”.

I resti di un soldato sconosciuto della seconda guerra mondiale, della guerra di Corea e del Vietnam furono in seguito sepolti nella tomba. Il soldato del Vietnam fu in seguito riesumato e identificato, e fu deciso che il Vietnam Unknown restasse vacante.

Ogni ora, ogni mezz’ora nel periodo estivo, avviene il cambio della guardia. La Tomba è sorvegliata dal 3° Reggimento di Fanteria degli Stati Uniti, noto come “La vecchia guardia”, la più antica unità di fanteria attiva nell’Esercito. Le sentinelle passano attraverso una selezione rigorosa e un processo di formazione, e i loro movimenti sono precisamente sceneggiati.

WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY. WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY. WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY.

Washington DC – la storia degli alberi

Il cimitero è caratterizzato da un elevato numero di alberi, tra questi ve ne sono 36 storici che commemorano i destinatari delle medaglie al valore e sono caratterizzati da una targhetta. Altro luogo di interesse è la tomba di John F. Kennedy che divenne il secondo presidente degli Stati Uniti ad essere sepolto qui (William H. Taft fu il primo). Accanto alla sua tomba, l’iconica fiamma eterna brucia come simbolo di speranza (illuminata dalla sua vedova, Jacqueline Kennedy Onassis, che ora riposa accanto a lui).

WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY. WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY. WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY. WASHINGTON DC – ARLINGTON NATIONAL CEMETERY.

Washington DC – United States National Arboretum

Il National Arboretum è uno dei miei giardini preferiti, la cui missione ufficiale è l’educazione e la ricerca, ed infatti è gestito dal dipartimento di ricerca agricola. Una vera e propria oasi urbana a Washington DC. Un luogo che merita una visita in qualsiasi periodo dell’anno perché ogni stagione offre qualcosa di nuovo. Semplicemente enorme con i suoi 446 acri, circa 339 campi da football, contiene al suo interno una delle attrazioni più popolari e anche più instagrammate della città. Sto parlando delle Capitol Columns: una installazione di ventidue colonne corinzie. Un tempo sostenevano il tetto del Portico Est del Campidoglio degli Stati Uniti e facevano da sfondo alle inaugurazioni presidenziali, da Andrew Jackson nel 1826 a Dwight Eisenhower nel 1957. Nel 1958 iniziarono i lavori su un’estensione del Campidoglio e le colonne furono sostituite da riproduzioni in marmo più robuste. Le colonne originali furono messe in deposito, 22 dei 24 originali furono salvate negli anni ’80 e poi installate in un paddock nell’Arboreto Nazionale.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Laura Masi (@ruberry) on

WASHINGTON DC – UNITED STATES NATIONAL ARBORETUM WASHINGTON DC – UNITED STATES NATIONAL ARBORETUM
Washington DC – il museo dei bonsai

Il National Bonsai and Penjing Museum è la zona preferita da molti visitatori e offre una delle più grandi collezioni di capolavori in miniatura del Nord America. Anche i più piccoli sono colpiti dagli alberi perfettamente scolpiti, alcuni dei quali hanno centinaia di anni. È una zona rilassante dove ammirare la bellezza che ci circonda.

In generale è caratterizzato da sentieri tortuosi, ponti che attraversano piccoli corsi d’acqua, insomma un luogo ideale per conoscere la natura e ammirare quella locale. Qui ci si può crogiolare nella quiete delle dolci colline e entrare in contatto con la natura mentre si scopre l’incredibile vastità dei colori stagionali e delle fioriture.

WASHINGTON DC – UNITED STATES NATIONAL ARBORETUM WASHINGTON DC – UNITED STATES NATIONAL ARBORETUM WASHINGTON DC – UNITED STATES NATIONAL ARBORETUM

Washington DC – come arrivare

Non è comodissimo arrivarci con i mezzi pubblici, ma si può fare. La fermata della metropolitana più vicina è Stadium Armory Station, da lì si può prendere un bus. Anche qui vi consiglio di portarvi il pranzo ed organizzare un fantastico picnic in questa oasi di pace. Unica pecca è l’orario di chiusura: il parco è aperto tutti i giorni, tranne a Natale, dalle 8 alle 17.

Voi conoscevate questo lato floreale della capitale degli stati Uniti d’America? Avete visitato alcuni di questi luoghi o uno in particolare vi ha affascinato per il vostro prossimo viaggio?

Share